Privacy Policy
Seleziona una pagina
Cosa pensi continuamente di negativo ?

Cosa pensi continuamente di negativo ?

Cosa pensi continuamente di negativo ?

I pensieri negativi su cui rimugini ti abbassano il livello di energia fisica e mentale ?

“Si lo so Rolando, ma non ce la faccio a non pensare a quelle cose così brutte che mi sono successe !!!”

Tante volte mi hanno risposto così e tante volte continuo a rispondere: i pensieri negativi, quando sono “nutriti” per diverso tempo, creano delle neuroconnessioni.

Cosa vuol dire ?

Vuol dire che si sono creati dei circuiti cerebrali nuovi, organizzati, fatti da nuove connessioni tra i neuroni (cellule del cervello) che sono diventati delle ABITUDINI.

Molto spesso, i pensieri di un certo tipo, dopo un po di tempo, partono per abitudine.
Praticamente per un fenomeno di fisica elettrica delle cellule cerebrali.

Quindi ?

1. Non puoi impedire un pensiero che è già avvenuto.
2. Se è un abitudine, non ti puoi incolpare o massacrare dicendoti “quanto sei sbagliata”, “quanto sei stupida a pensare queste cose”, “che scema che sono”…….e altro di questo genere

3. puoi solo ACCETTARE di avere quel pensiero e DECIDERE volontariamente di DISTRARTI da esso, ogni volta che ti arriva come automatismo della mente.

Come?

Iniziando a pensare a qualcos’altro che per te è importante.
Subito dopo il pensiero negativo, fatti questa domanda e aspetta che la tua mente risponda:
– “Che cosa c’è già di bello nella mia vita ?”

Quando lo fai per un po di tempo, anche questa diventerà una abitudine e sarà sempre più facile e automatico farlo.

L’importante è ripetere e farlo spesso all’inizio.
Poi come tutte le cose ti verrà automatico.
All’inizio ci si distrae con una domanda…poi successivamente anche focalizzando l’attenzione su qualcos’altro o voler tenere l’attenzione su 2 cose contemporaneamente. 

Buona distrazione

🙂

Giustificare le scelte razionalmente, dove ci porta ?

Giustificare le scelte razionalmente, dove ci porta ?

Hai mai pensato a quanto facciamo le scelte, anche più importanti della nostra vita, su base emotiva ?

Ieri stavo riflettendo proprio su questo e su quanto le nostre scelte ci condizionano; a volte diventando delle “gabbie” rispetto alla vita che vorremmo vivere.

Ognuno di noi ha dei sogni, ha dei desideri e si immagina nella mente un futuro in cui sarà sereno, in pace, avrà quello che realmente merita, sarà pieno di affetto, pieno di soldi, con una meravigliosa famiglia intorno.

In teoria ognuno.
In pratica solo una parte.
Ci infatti persone che non riescono a sognare e a vedere davanti a se un futuro migliore.

Ma questo è un problema emozionale che è diverso rispetto a quello di cui volevo parlarti oggi.

La cosa che tutti noi facciamo continuamente è fare delle scelte.

Decidiamo verso una direzione/cosa piuttosto che un altra.

A volte lo facciamo coscientemente e ragionandoci, mentre altre volte no.

Quello di cui spesso non ci accorgiamo è che, anche le nostre scelte ragionate sono fatte in maniera emozionale.

La maggior parte delle scelte della nostra vita le facciamo a livello emozionale.

“Ma come, io ci ho ragionato, ho pensato molto, non mi sembra di aver scelto con le emozioni ?”

Apparentemente no, ma il motivo profondo per cui hai vagliato solo quelle possibilità e non altre, risiede nella tua Mente Subconscia e quindi, la reale motivazione è emozionale.

Qualunque scelta facciamo, parte ed è attivata e sostenuta dall’aspetto emozionale.

Prova a pensare ad una sitiuazione abbastanza banale: vai a comperare un vestito.
Mentre stai passeggiando lentamente per una via della tua città dove ci sono molti negozi, uno accanto all’altro, ecco che vedi in vetrina, esposto, un bellissimo vestito.
Il colore e la forma attirano la tua attenzione.

Pensi che è proprio il modello che di solito ti sta bene per come ti “si cuce addosso”.

Nella tua mente è già partita l’immagine di te con addosso quel vestito, in qualche occasione precisa e di come la gente ti guarda, ti ammira e chi ti conosce, ti fa i complimenti per come ti sta addosso e per la tua forma.

Ecco, questo è il motivo per cui vorresti entrare a comperare quel vestito.

Soddisfare il:

  • bisogno di piacere
  • di essere ammirati
  • di essere visti
  • di essere giovani fisicamente
  • di essere desiderati sessualmente
  • di piacere al partner
  • di essere amati

Questi sono solo alcuni dei motivi per il quali ad un certo punto scegliamo di entrare in quel negozio a provarlo o a chiedere se hanno la nostra taglia.

 

Facciamo sempre scelte che vanno a soddisfare un bisogno profondo.

“Ma nella vendita è scontato!!! E’ negli altri settori della vita che non funziona così!”
Questo è un modo di pensare errato.

Il modo in cui decidiamo davanti a due o più possibilità, a livello di processi mentali, è lo stesso.

Accade la stessa cosa se devi andare in un ufficio a pagare una bolletta.

Quello che cambia, sono i criteri che vengono presi in considerazione per fare quella scelta.
In base al contesto e all’argomento, dai attenzione più a certi criteri interiori rispetto ad altri in altre situazioni.
Ma la priorità, la direzioni in modo emozionale.

Immagino che anche tu vorrai evitare la fila di persone, aspettare inutilmente, rimanendo lì a perdere tempo.

Anzi, per dirla tutta, vorresti trovare qualcuno che lo faccia per te per evitare di perdere tempo.

Oppure vorresti essere sicuro di poter uscire 15 minuti dopo da quell’ufficio in modo da poter essere a casa per stare con i tuo famigliari e gustarvi insieme il pranzo ?

Vedi, anche in questi casi, il bisogno emozionale che c’è dietro, detterà il modo emozionale in cui sceglierai tra diversi criteri di analisi.

I criteri possono anche essere razionali, ma la scelta, te lo dico ancora, la si fa emozionalmente.

La vita è fatta di scelte.

Ci sono dei casi in cui le scelte vengono fatte ragionando e pianificando ?

Si, ci sono, ma anche quelle hanno una base emotiva.

Anzi, ti dirò di più: quando attraverso alcuni processi mentali di protezione, razionalizziamo la scelta e la basiamo su criteri logici, in realtà abbiamo una doppia scelta.

Quella vera e che rimane il nostro desiderio, che rimane celata a livello emozionale.

Quella secondaria o di adattamento sociale, che è quella che abbiamo ragionato distaccandoci dal nostro cuore e dai suoi desideri.

E cosa succede nella maggior parte delle volte ?

Ti sei accorto che quelle volte che facciamo pianificando e solo con la mente razionale, poi non riusciamo a sentirci Completi o Uniti con la nostra parte più profonda ?
Essenza ?
Spirito ?
Anima ?
Come la chiami quella parte ?

Il problema però è che spesso quelle scelte vengono fatte in un contesto, che anni dopo non è più lo stesso.
Allora la nostra Mente Emotiva, vorrebbe scegliere altro.
Vorrebbe “allinearsi” alle nuove condizioni.

Ma per rimanere fedeli con noi stessi cosa facciamo ?
Troviamo tanti modi per GIUSTIFICARE a noi stessi il perché dobbiamo continuare ad essere “coerenti” o allineati con quella scelta vecchia e decrepita.

Queste giustificazioni Razionali e Sociali, in pratica ci fanno apparire più belli, migliori, più amabili, dalle persone esterne, sono però proprio i fattori che ti portano a PERDERE l’EQUILIBRIO Interiore.

Come si perde l’equilibrio interiore ?

Prima si innesca un disequilibrio energetico-spirituale.
Non essendo più coerente con la tua Essenza più profonda, con il chi sei veramente, è come se avessi metà del corpo più piccolo rispetto all’altra metà.
Poi questo disequilibrio passa sul piano emotivo-mentale.
Ecco che inizi a vivere quelle emozioni negative di dubbio, incertezza, mancanza di riferimenti, frustrazione, sofferenza interiore.
Poi finisci per somatizzare tutta questa tensione o stress interno, sul corpo.
In questo modo sviluppi le classiche malattie psicosomatiche.

Ti è mai capitato di sentire il medico dire “è lo stress” ?

Bene, in quel caso lui intende che “non sa che cosa hai…ma di certo è dovuto dalle tensioni emotive” !!!
La cosa migliore che puoi fare per interrompere questo circolo vizioso è comprendere quali siano le scelte e quali siano le emozioni che si sono bloccate.
Bloccandosi fanno danni dentro di te e fuori di te.
E’ come quando al semaforo la macchina davanti a te “inchioda di colpo e si blocca”.
Risultato: tamponamento a catena.

Molti aspetti della nostra vita si bloccano in quel “tamponamento interiore”.
Ma l’altro problema è che comprendere quelle scelte e quali emozioni stanno sostenendo questo problema, non è affatto semplice.
Lo sarebbe, ma non lo è.
Lo sarebbe perché ci sono modi semplici per farlo.
Non lo è perché ognuno pensa che il modello che ha imparato sia il migliore e quindi non integra con altre “tecniche/metodiche” o perché si cerca il fai da te andando sulle cose più semplici.

Occorre fare un po di chiarezza….ma questa se ti interessa te la faccio/racconto con un prossimo articolo.

intanto fatti queste domande :
– Ti sei trovata/o in una di questa condizioni ?
– Cosa hai fatto per uscirne ?
– Ci sei riuscita ?
– Facendo cosa ?

Scrivilo qui sotto nei commenti

A presto

Rabbia, gelosia, competizione ? Piacere sono Holly dei Fiori di Bach

Rabbia, gelosia, competizione ? Piacere sono Holly dei Fiori di Bach

Oggi continuiamo  il nostro viaggio facendo conoscenza con un altro Fiore di Bach: Holly.

Il problema fondamentale di Holly è che Rifiuta l’amore.

“A volte sono assalita dalla gelosia-invidia-vendetta-sospetto e non ammetto a me stessa/o di avere problemi.”

 

QUALE È IL DIALOGO INTERIORE DI HOLLY ?

  • “Emotivamente sono molto esigente
  • “Spesso ho paura di essere tradita
  • “Vivo in un ambiente molto competitivo e la competizione mi piace”
  • “Provo spesso attacchi di rabbia, invidia, rancore
  • “La mia tolleranza si riduce a zero quando mi viene negato l’amore”
  • “Quando mi arrabbio ce l’ho con tutto il mondo”
  • “Come si fa a non essere gelosi delle persone che si amano?”
  • “C’è sempre qualcuno che ti vuole imbrogliare o che ti parla alle spalle”
  • “Non mi fido di nessuno”
  • “Qualcosa di cui vendicarmi la trovo facilmente”
  • “Mi sono sentita più volte privata dell’amore dei miei genitori o del partner”
  • “Mi dicono che provo odio, rancore, vendetta, gelosia ma io non me ne rendo conto”

 

CARATTERISTICA

E’ il fiore di chi si sente escluso dal mondo e non accettato.

Può lottare fino alla fine per non permettere ad altri di assumere il controllo della sua vita.

È una persona intelligente, attiva, piena di energia e di risorse.

È molto sensibile e vive con grande intensità le emozioni.

Nella sua vita l’amore è al primo posto, ma spesso si trova separato da esso perché è in uno stato di protezione.

Quando l’amore gli viene negato, scatta la reazione nella quale produce veleni dell’anima: irritazione, Rabbia, Permalosità, sfiducia, Sospetto, competizione, gelosia, Invidia, malizia, vendetta, prepotenza, Odio.

E arrabbiato perché ferito da delusioni e dolori del passato.

 

COSA FA IL FIORE ?

Risana le ferite e restituisce la capacità di amare.
Permette di perdonare sciogliendo l’odio e favorendo condizioni di maggior benessere emozionale.

Elimina le tensioni muscolari di chi sta sempre in guardia a difendersi.

 

IMPORTANTE PER L’AUTOUTILIZZO

E’ un fiore che non deve mancare tutte le volte che viviamo situazioni di vita in cui ci sentiamo feriti per l’ennesima volta.

Quando vorremmo “spaccare tutto” o vedere qualcun altro soffrire per la rabbia che abbiamo nei suoi confronti.

Ogni volta che abbiamo un progetto professionale o di business da portare avanti e ci rendiamo conto di non fidarci dei nostri collaboratori, soci o dipendenti.

 

UTILIZZI PARTICOLARI

Quando c’è un’eruzione cutanea intensa, acuta, sia di origine allergica che infettiva.

Quando cuore e fegato e relativi meridiani energetici, hanno bisogno di sostegno.

Si utilizza anche come catalizzatore quando c’è un quadro confuso in una persona attiva che ha bisogno di far emergere le sue vere necessità profonde.

Rimpianti e Fiori di Bach

Rimpianti e Fiori di Bach

In questo articolo ti parlo di RIMPIANTI.

  • Ti capita mai di averne ?
  • Ripensi mai o hai nostalgia di situazioni e occasioni passate o perdute ?
  • Occasioni non colte quando era il momento di coglierle perché presenti nella tua vita ?

Anche in questo caso i Fiori di Bach ti possono aiutare.

Per esempio, se rimpiangi l’infanzia o la tua gioventù, potrebbero essere utili CHICORY, CRAB APPLE, HONEYSUCKLE.

Se rimpiangi qualcosa perché ti è mancato il CORAGGIO, potrebbero essere indicati HOLLY, WHITE CHESTNUT, HONEYSUCKLE.

Se rimpiangi le Occasioni perdute, allora potrebbe esserti di aiuto WILLOW, CLEMATIS, HONEYSUCKLE.

Se ti sei accorta, ho scritto sempre potrebbe e non può!
Non ho dubbi sulla loro azione.
Quello che però rende il “può” un “potrebbe”, sono i Circuiti Emozionali Irrisolti a livello di mente subconscia.
Questi condizionano quello che vivi nel tuo qui ed ora.

Influenzano anche l’azione dei Fiori di Bach.

Per questo i suggerimenti che ti ho scritto sopra, sono utili come pronto soccorso floriterapico o se non ti importa che poi la stessa dinamica possa tornare fuori su un altro aspetto della tua vita.

Se invece ti interessa e vuoi fermare questo ripresentarsi di situazioni, puoi lavorarci più a fondo con il S.E.T. Test Online dei Fiori di Bach e anche il TOP PROGRAM 7 mesi.

Una domanda che mi fanno spesso

“Come fate a dire che i Fiori di Bach ti aiutano a cambiare e a migliorare la vita  ?”

Perché rimettono in “connessione” la mente e la nostra identità, con la nostra Anima e con quella parte profonda che è ciò che siamo veramente.

Ciò che siamo veramente nel nostro profondo, senza condizionamenti o regole/imposizioni esterne.
Senza aspettative altrui. Solo noi con noi stessi. Piena libertà di essere e di vivere la nostra parte Saggia.

 

Quando avviene questo, è normale che arrivino intuizioni e consapevolezze.
Su di noi, su gli altri, sui nostri comportamenti, sulla nostra vita, su vecchi episodi “non digeriti” vissuti in passato.

Queste consapevolezze/intuizioni, se non sono censurate, nascoste dalla mente conscia, è normale portano a nuovi pensieri.
Un nuovo modo di vivere e interpretare quegli eventi che prima sentivamo ancora come negativi per noi.
Questo, ci porta a fare delle scelte diverse.

I Fiori di Bach, riequilibrano energeticamente anche i meridiani di agopuntura, quei canali energetici dove scorre la bioenergia riequilibrante per il corpo e la mente.
Il beneficio ?
Se i meridiani sono in equilibrio, le emozioni sono equilibrate.

 

Lo sapevi che il loro squilibrio porta anche a uno squilibrio a livello di attività mentale ?
Non sto parlando di patologia mentale, ma del fatto che la mente sarà utilizzata secondo schemi improduttivi o poco efficaci rispetto all’essere sereni e vivere in pace.

 

Ma questo riguarda l’atteggiamento mentale che è fondamentale per vivere la vita che veramente desideriamo.
Ne parliamo un’altra volta.

Centaury: conoscere i Fiori di Bach

Centaury: conoscere i Fiori di Bach

Oggi è il momento di conoscere Centaury.

Questo è il secondo articolo che scrivo con l’intento di accrescere la conoscenza di te stessa/o e aumentare la Consapevolezza.
In questo periodo sto facendo tantissimi Test Online sui Fiori di Bach e vedo che la maggior parte delle persone “vuol sapere” che cosa vogliono dire o a cosa corrispondono, i Fiori di Bach che sono usciti dal Test.

Per questo e per semplificare la ricerca, ho deciso di scrivere questa serie di articoli sui Fiori, in modo che chi mi segue e chi usufruisce dei servizi che fornisco, possa trovarli in unica area.
Ma passiamo, ai fatti e a conoscere Centaury.

Inizio con dirti che è certamente il Fiore di Bach di cui i miei clienti necessitano più spesso.
Con questo non voglio dire che tutti ne hanno bisogno, ma diciamo che fa la sua parte come frequenza di utilizzo.

E’ il Fiore di chi è buono d’animo, anche se poi quando esce dai Test, ha un significato che riporta ad uno stato emozionale di disequilibrio.

Il problema fondamentale di CENTAURY è che non sa dire di no.

E’ una persona estremamente ansiosa di servire-aiutare gli altri e quando sono in equilibrio lo fanno mostrandosi buone, tranquille, gentili.

 

“In una compagnia di persone spesso Centaury, si offre di far favori e azioni per gli altri.
Dopo un po che lo conoscono, tutto quel suo “darsi”, diventa normale.

Quando arriva questo momento, quando non arriva quel “Grazie” come forma di riconoscimento e valore per quello che ha fatto, gli parte l’embolo.
Si arrabbia così tanto che per qualche attimo non capisce più niente e dice cose che non pensa o compie azioni che di li a poco, lo faranno riempire di sensi di colpa.
Appena rientra in se, questione di pochi minuti o ore, ripensa a quel che ha detto o fatto e se ne pente.
Per espiare la sua colpa, diventa in modo inconsapevole, ancora più servizievole e sottomesso.
Così ricomincia il ciclo.”
(Questo è ciò che racconto ai mei clienti in studio per fargli capire immediatamente cosa succede in questo stato e le sue evoluzioni).

Quale è il dialogo Interiore di CENTAURY ?

  • “A volte divento così disponibile agli altri che arrivo a sentirmi schiava
  •  “Spesso rinuncio alla mia vita per dare agli altri (famiglia, lavoro, figli)”
  • “Anche se non lo ammetterò mai, lo scopo per cui aiuto gli altri è quello di essere Riconosciuta e piacere agli altri”
  • “Voglio a tutti costi che gli altri dicano o pensino di me che sono buona”
  • “Spesso do tutte le mie energie e il mio tempo, per soddisfare gli altri.…e poi guarda cosa ricevo indietro”
  • “La cosa che più conta per me nella vita è piacere agli altri”
    Per farlo, uso tutto il mio tempo e le miei risorse mettendoli al centro delle mie priorità”
  • A volte mi manca la volontà per portare a termine quello che mi prefiggo”
  • “Spesso vivo come si aspettano gli altri che io viva e non per come mi andrebbe veramente”
  • “Spesso mi lego a persone forti che poi finiscono per schiacciarmi”
  • “Nella mia infanzia tutto l’amore che mi è stato dato era condizionato: se ero brava, se mi comportavo bene,…..”
  • Non mi è chiaro cosa desidero veramente nella mia vita, perché ho sempre dato importanza ai desideri di chi avevo vicino”
  • “Chi è accanto riesce a condizionarmi nelle mie scelte”
  • “Pur di piacere e avere complimenti…..posso interpretare qualsiasi ruolo”

 

POSSONO ARRIVARE A DIRE

“Io non mi separo/divorzio perché devo tenere unita la famiglia”
“Fino a che devo accudire i miei genitori, non posso prendermi cura di me”
“Rinuncio alla mia vita per l’azienda”

 

CARATTERISTICA

E’ il fiore di chi non sa dire di no, che è sottomesso alle esigenze degli altri.
Ha debolezza di carattere e per questo cerca Riconoscimento e Approvazione.
Vuole piacere agli altri a tutti i costi.

Ama così tanto rendersi utile che diventa sottilmente e abilmente, indispensabile e manipolatori.

COSA FA IL FIORE ?

Aiuta a mettere le esigenze degli altri al pari delle proprie.
Fa dire di no in maniera armonica.

Sviluppa autonomia e consistenza su chi siamo veramente.

IMPORTANTE PER L’AUTOUTILIZZO

E’ un fiore che non deve mancare tutte le volte che viviamo situazioni di vita che non possiamo più rimandare e su cui occorre prendere una via per poter darsi di nuovo una possibilità di vita. (come nel caso di una decisione importante, una separazione, la scelta di affrontare un intervento chirurgico

UTILIZZI PARTICOLARI

Centaury aiuta in tutte le occasioni in cui si è sottomessi a una DIPENDENZA (droga, alcool, sesso, gioco d’azzardo, cibo) e non si riesce a trovare la volontà per riuscire a portare avanti la decisione con fermezza e stabilità.